SEADS: L’INVENZIONE ITALIANA CHE SALVERÀ I MARI DALLA PLASTICA

Seads

Sono italiani i due ingegneri fondatori della startup Seads: un sistema che bloccherà i detriti nei corsi d’acqua principali del mondo. In questo modo, riusciranno a bloccare il problema alla fonte, prima che i rifiuti di ogni tipo scaricati nei fiumi raggiungano il mare aperto.

Fabio Dalmonte, 36 anni e Mauro Nardocci, 38 anni, hanno messo a punto un sistema con costi contenuti che oggi prende il nome di Seads (Sea Defence Solutions); si tratta di una struttura composta da due barriere ancorate alle due sponde, posizionate in maniera obliqua e perpendicolare rispetto alla corrente del corso d’acqua. Esse presentano una sorta di tenda che va immersa di circa 1 metro e che ha il compito di raccogliere e bloccare i rifiuti. I detriti vanno prima a scontrarsi con una barriera e poi grazie alla corrente vengono portati verso la seconda, dalla quale, sempre grazie alla corrente, finiranno verso la sponda del fiume in un punto di raccolta.

Una struttura non invasiva per l’ambiente e dai costi contenuti

I punti in cui le barriere faranno confluire i rifiuti verranno gestiti dalle comunità locali, che dovranno provvedere a sgomberarli. 

Il costo contenuto, circa 40 mila euro, e il fatto che non intralci la navigabilità del fiume, la viabilità della fauna o possibili piene, rendono Seads un sistema assolutamente promettente. Verrà testato in Italia mentre in Indonesia è già stato richiesto un primo prototipo da poter installare nel fiume Ciliwung.

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità green?

Iscriviti alla newsletter

Tags from the story
, , , ,
Scritto da
Altro da Need For Green

RITENZIONE IDRICA E SALE: I CIBI INSOSPETTABILI

La ritenzione idrica, cioè l’accumulo di liquidi nell’organismo, è un disturbo molto...
Continua a leggere...