STRAGE DI CAVALLUCCI MARINI IN ORIENTE

Cavallucci marini morti

Si sta consumando una vera e propria strage di cavallucci marini nelle acque del Sud Est Asiatico e dell’Africa occidentale.

I cavallucci marini, chiamati anche ippocampi per il loro aspetto che ricorda quello di un cavallo sono riconosciuti dal Citas (Convention on International Trade in Endangered Species) come una specie in via di estinzione. Circa 35 milioni vengono catturati ogni anno, fatti essiccare stipati in sacchi di plastica e spediti nel mercato di Guangzhou, città portuale a nord-ovest di Hong Kong, in cui vengono venduti come souvenir. Purtroppo questo non rappresenta l’unico motivo, infatti i cavallucci marini essiccati e ridotti in polvere sono considerati un vero e proprio prodotto farmaceutico.

I cavallucci marini sono la rivoluzionaria pillola blu.

Questi animali sono diventati ricercatissimi perché sono un elemento fondamentale nella preparazione di cure tradizionali contro le disfunzioni erettili dell’uomo orientale.

Nonostante la pesca sia vietata, questa strage non ha sosta.  I cavallucci marini sono solo le ultime vittime della crudeltà umana, infatti non si possono dimenticare gli squali catturati per le loro pinne e il massacro delle balene per la loro carne.

Scopri come avviene la caccia alle balene in Giappone. Leggi il nostro articolo >> Caccia alle balene: riprende il massacro in Giappone 

La situazione sta peggiorando drasticamente negli ultimi anni, portando ad una irrimediabile distruzione del loro habitat.

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità green?

Iscriviti alla newsletter

Scritto da
Altro da Need For Green

RITENZIONE IDRICA E SALE: I CIBI INSOSPETTABILI

La ritenzione idrica, cioè l’accumulo di liquidi nell’organismo, è un disturbo molto...
Continua a leggere...